Allergie: cos’è il ribes nigrum

Faccio subito una premessa, che poi è sempre la stessa da quando ho iniziato ad aggiornare questo diario. Non sono un medico e per scelta finora non mai parlato delle terapie che faccio (o ho fatto) anche quando qualcuno di voi mi ha contattato privatamente. Le allergie sono una cosa seria e nessuno può sostituirsi a un bravo professionista.

Detto questo mi è capitato quest’estate di condividere un post sulla mia pagina facebook relativo a un rimedio omeopatico che io ho assunto e assumo tutt’ora su indicazione della mia omeopata: il ribes nigrum (macerato glicerico). Una lettrice ha osservato che per noi allergici al nichel si tratterebbe di un rimedio non indicato. Mi è sembrato quindi utile esplicitare qui con voi la mia esperienza in maniera più estesa e documentata.

Io sono allergica al nichel e quando la mia specialista me l’ha prescritto l’ho assunto e sono stata bene. Una casualità? Non lo so. Forse nel mio specifico caso comunque si è trattato di una terapia azzeccata, soprattutto perché è stato un medico a prescrivermela a fronte della mia situazione.

Mi sono però appuntata anche una citazione tratta da un saggio di Mario Chaput di cui ho già parlato nel mio giardino d’inverno che spiega nel dettaglio la funzione del ribes nigrum.

“La gemma di ribes nero (Ribes Nigrum) contiene 107 mg di vitamina C per grammo di gemme fresche. E’ nota l’importanza della vitamina C nel corretto funzionamento delle ghiandole surrenali. Queste ghiandole, poste sopra i reni, producono adrenalina e cortisolo, utili alla prevenzione dei sintomi allergici se secreti in giusta quantità. La gemma di ibes nero racchiude ance antociani, che […] potenziano l’effetto della vitamina C, oltre a contrastare la produzione e la secrezione d’istamina da parte delle cellule. Gli antociani sono dotati di proprietà antiossidanti (neutralizzano i radicali liberi associati alle allergie), che si accompagnano a quella della vitamina C. Favoriscono inoltre l’azione dell’adrenalina prodotta dalla surrenali sulle cellule in cui agisce. […]L’adrenalina è un ormone che contrasta l’istamina e la comparsa del terreno allergico, purché prodotta in giuste quantità. Favorirne l’azione sulle cellule-bersaglio consente la produzione bilanciata di adrenalina. […]

Gli studi svolti sulle gemme di ribes nero permettono anche di confermare che la pianta favorisce l’azione del nostro cortisone naturale prodotto a livello delle surrenali. […] Il cortisone naturale secreto in quantità bilanciata contrasta la comparsa del terreno allergico. Altri studi […] ci dimostrano la capacità delle gemme di ribes nero di favorire l’equilibrio delle immunoglobuline o anticorpi (IgE, IgA…), che spesso si spezza in caso di allergia.

[…] Un altro vantaggio delle gemme di ribes nero è che non provocano gli effetti collaterali del cortisone ad alte dosi: ulcerazione gastrica, pressione alta, minor produzione di corticosteroidi nelle surrenali. La gemma infatti a dosi fisiologiche ottimizza l’azione del nostro stesso cortisone.”

(tratto da Metodi naturali per curare allergie e intolleranze* di Mario Chaput, Il punto d’incontro 2014)

Insomma non vi fidate mai di quello che leggete nelle bacheche di blog, social e quant’altro. Fidatevi del vostro specialista e, quando e dove sia possibile, provate a documentarvi.