La mia dieta è al limite. Sono tanti anni che vivo di proteine e basta (chiunque non abbia i fastidi dell’allergia che ho io, non deve seguire la mia dieta drastica!).
Per stare serena posso mangiare tranquillamente:
carne
pesce (salvo l’aringa)
latte e derivati freschi
– uova
zucchero (preferibilmente raffinato)
olio extravergine di oliva (olive, ma solo se con acqua e sale, senza aggiunta di conservati)
sale e pepe
caffè (anche se in alcuni momenti ho avuto la certezza che qualche disturbo me lo desse. Leggi l’update 2015).
Da quest’anno ho inserito le banane e qualche mela (anche se non tutti i giorni).
Non stare bene per me che sono allergica al nichel vuol dire avere pruriti diffusi (prevalentemente a braccia e gambe), saltuariamente edema agli occhi e nel peggiore delle ipotesi prurito in gola e giù-giù nell’esofago. Quando compaiono questi sintomi a distanza dopo qualche giorno arriva anche un ferocissimo mal di testa che dura per 24 ore di seguito.
Non è una scelta rispettare una dieta proteica. E’ un obbligo.
Non a caso sto cercando di inserire nuovi alimenti negli ultimi mesi.
Tutta questa lunga premessa per dire che è tassativo per me bere acqua.
Tanta.
Tantissima.
Gli effetti curativi dell’acqua sono stati sbandierati a destra e sinistra, un po’ per motivi di marketing a cura di noti produttori e distributori di acque minerali, ma anche per motivi legati al benessere e alla voglia di dimagrire.
E’ vero che se bevo meno, ho la sensazione di appesantimento, ma per me bere molto vuol dire tenere conto dei miei reni affaticati da un’alimentazione iper-proteica.
Ci sono periodi in cui bevo meno per ragioni pratiche: bere almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno, tutti i giorni, vuol dire avere sempre un bagno nelle vicinanze. Obiettivamente non sempre è possibile, soprattutto in caso di impegni fuori casa. Quando sono a casa o non ci sono imprevisti la norma è tenere una bottiglia da un litro e mezzo bene in vista e berla nell’arco della giornata.
E voi quanta acqua bevete al giorno? Vi fa sentire meglio?

3 COMMENTS

  1. direi che è la mia stessa dieta, anche se io continuo a mangiare verdure verdi cotte (non sedano ed erbette aromatiche), senza particolari problemi.
    E i miei sintomi quando sgarro sono al limite dello schok anafilattico.
    Però capisco cosa provi.
    la bana la tollero quasi sempre, così come l’uva: hai provato?

    • No, io con l’uva ho qualche timore (soprattutto perché non l’ho ancora trovata biologica: e il dubbio che abbiano qualcosa sopra che non va per me che sono allergica ai farmavi c’è).Ci capiamo davvero perfettamente.
      Comunque mangiare verdure verdi cotte sarebbe un’immensità per me 🙂

  2. Vedo che il sistema che abbiamo sono molto utili, soprattutto per coloro che vogliono perdere peso in breve tempo e senza effetti collaterali

Comments are closed.